Psicoterapia
Kintsugi

Psicoterapia

Lo Psicoterapeuta
Lo Psicologo-Psicoterapeuta è uno specialista che dopo il conseguimento della laurea ha frequentato una scuola quadriennale di specializzazione, ha conseguito l'abilitazione a svolgere l'attività di Psicoterapia. Dopo questa formazione specialistica può iscriversi all'Elenco degli Psicoterapeuti. Si occupa di benessere e salute nella sua globalità. Il lavoro clinico dello Psicoterapeuta può consentire di migliorare la relazione della persona con se stessa e con il proprio ambiente. Lo psicoterapeuta attraversa continuamente relazioni sofferenti. La sua professione è riaffermare il profondo valore di senso insito nell’affrontare eventi critici, ferite e drammi nei quali si racchiude la via per scoprire e accrescere la propria autenticità. Per affrontare le crisi della vita è necessario che qualcuno (e non qualcosa) ci “riconosca”, ci “accolga”, ci “alleni”, ci permetta di apprendere di costruire in noi la capacità di dare un senso alle nostre ferite e diventare “resilienti”. (M.L. Verlato, M. Anfossi, 2006)

La Psicoterapia

La Psicoterapia è un’arte scientifica. (…) Siamo scientifici nei nostri tentativi di comprendere la natura dei disordini dei quali ci stiamo occupando (anche se non esattamente come fanno le scienze naturali), siamo artistici quando entriamo in risonanza con i nostri pazienti per aiutarli a cambiare (…). (Frances Tustin, 1990).

La psicoterapia è un percorso di cura basato sulla relazione, dove terapeuta e paziente insieme intraprendono un cammino, per uscire dalla sensazione di sentirsi intrappolati nel proprio malessere, ha come scopo l’esplorazione del mondo interno della persona in relazione al mondo esterno, per una maggiore consapevolezza, presupposto per un cambiamento verso una più adattiva modulazione di tale scambio.

Solo in un sicuro ed empatico incontro Io-Tu si possono lentamente trasformare le cicatrici in ricami, ricucendo gli strappi proprio nella dimensione in cui più intensa è stata la disfunzionalità, ciò che prima faceva solo male può trasformarsi in ricamo, in qualcosa di prezioso da guardare con dolcezza e da accogliere, qualcosa che ci arricchisce, dà forza, fiducia e dignità. Questo permette di trovare il proprio unico e personalissimo cammino di vita con quell’equilibrio e integrità di fondo. (M.L. Verlato, M. Anfossi, 2006)

Chi va dallo Psicoterapeuta?

Al crescere dei problemi di ansia, depressione e disagio psicologico viene data una risposta prevalentemente farmacologica. Ma i dati scientifici disponibili ci dicono che la psicoterapia andrebbe utilizzata molto di più, perché efficace e con effetti più duraturi.

La Psicoterapia può essere oltre che individuale, anche di coppia e di gruppo.

Psicoterapia di coppia
Quando l’area di sofferenza e di disagio è sentita e vissuta all’interno della coppia, le interazioni limitate, mantengono la relazione bloccata. Il percorso di psicoterapia di coppia si propone di migliorare e riattivare le interazioni di coppia curando il processo di riattivazione della comunicazione all’interno della coppia.

Psicoterapia di gruppo
L’uomo nasce e pone la basi per la costituzione della propria identità nel gruppo famiglia, gruppo di appartenenza primaria.
Il gruppo, è una grande risorsa, può essere considerato lo strumento di elezione per riattivare delle abilità personali e sociali compromesse dalla sofferenza. La sofferenza, soprattutto quando fa sentire impotenti, stimola sentimenti d’inadeguatezza accompagnati da angoscia di esclusione che a volte inducono a rinchiudersi in una solitudine. Fra i fattori terapeutici importanti del gruppo c’è infatti quello di uscire dall’isolamento e di sperimentare o riattivare la condivisione del proprio dolore attraverso la relazione con gli altri componenti del gruppo in un contesto protetto in quanto terapeutico.  
Il gruppo diventa quindi un luogo di ascolto profondo dell’altro, un ascolto rispettoso, si configura come una palestra emotiva che rende possibile lo sviluppo di competenze relazionali, che hanno ricaduta anche nelle relazioni interpersonali esterne.

A chi si rivolge, a tutti coloro che manifestano sofferenza e disagio psicologico e difficoltà nei rapporti interpersonali.
(Verranno fatti dei colloqui individuali preliminare di valutazione della motivazione e di preparazione all’entrata in gruppo con la psicoterapeuta che poi condurrà il gruppo).

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK

Loading…